Ludos-Ravagnese 1-2

Screenshot_20181021-21065721/10/18 – Il Ravagnese getta il cuore oltre l’ostacolo e si aggiudica il derby con la Ludos all’ultimo respiro: è il 91′ quando Ventura supera il suo diretto avversario e dal fondo mette al centro dell’area una gran palla per l’accorrente Sartiano abile a realizzare con freddezza il gol della vittoria. Partita che si era messa male per il Ravagnese sin dal primo tempo durante il quale Pangallo aveva centrato la traversa per ben 2 volte in un minuto, al 19′ su azione proveniente dalla sinistra e al 20′ quando lo stesso numero 10 biancazzurro falliva il rigore del possibile vantaggio. Dopo un’altra buona occasione per gli ospiti con Vigoroso alla mezzora, è la Ludos a passare inaspettatamente in vantaggio al 35′ con Barillà che chiude un bel triangolo con Ciccone e trafigge l’incolpevole Comandè. Nella ripresa il Ravagnese del duo Preferito-Aquilino cambia assetto tattico e (dopo 2 ghiotte occasioni capitate sui piedi di Attinà prima e Ventura poi) riesce a ribaltare il risultato negli ultimi 10′ di gara: all’81’ Vigoroso con un bel tiro al volo di sinistro sfrutta una respinta di Longo per riequilibrare le sorti dell’incontro e al 91′ Sartiano manda in visibilio i numerosi tifosi al seguito del Ravagnese che mantiene così la testa della classifica.

Clicca qui per risultati, classifica e prossimo turno

Clicca qui per vedere i gol di Vigoroso e Sartiano

Questo il tabellino dell’incontro:

Ludos Vecchia Miniera: Longo, Barreca, Aquilino, Praticò, Cutrupi, Vinci, Marino, Minniti (dal 69′ Quartullo), Iaria, Ciccone (dall’82’ Assumma), Barillà. A disp: Romeo, Mellace, De Benedittis, Lacaria, Cannizzaro, Iracà, Pirrello. All. Faraone.

Ravagnese: Comandè, Minniti (dal 69′ De Stefano), Pellicanò, Sartiano, Fortugno (dal 46′ Ventura), Bianchi, Falduto, Gullì, Attinà (dall’80’ Manti), Pangallo, Vigoroso (dal 93′ Latella). A disp.: Bagnato, Autunno, Nucera G., Nucera L., Polito. All. Preferito.

Marcatori: Barillà al 35′ – Vigoroso all’81’ – Sartiano al 91′

Arbitro: sig. Ballerini di Catanzaro